Proverbi Platanesi PDF Stampa E-mail
Dialetto (voce dotta, ripresa dal lat. tardo dĭălectŏs, s. f., "dialetto", prestito dal greco διάλεκτος, letteralmente "colloquio, parlare ordinario, lingua, pronuncia particolare, dialetto") è una varietà linguistica (o idioma) usata da abitanti originari di una particolare area geografica. Il numero di locutori e le dimensioni dell'area interessata possono variare. Un dialetto, se si estende in un'area piuttosto ampia, può contenere molte varianti, che a loro volta possono distinguersi in sottovarianti per aree minori.
"Il dialetto è come i nostri sogni, qualcosa di remoto e di rivelatore; il dialetto è la testimonianza più viva della nostra storia, è l'espressione della fantasia."

Selezione di alcuni proverbi dialettali Platanesi, classificati per argomento e con relativa traduzione in lingua italiana. Per la segnalazione di altri proverbi dialettali scrivici presso il nostro recapito email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


A troppu cumpidenza è patruna da malacreanza
Spesso la confidenza viene scambiata per dabbenaggine

Megghiu namicu ca centu ducati

Meglio avere un amico che avere cento ducati (monete)

ppe lu pane e llu vinu si cambia u vicinu

Per cose di poco conto si perde l'amicizia con il vicino

ama a chine t'ama e rispundi a chine te chiama
Ama chi ti ama e rispondi a chi ti chiama

Amare i luntanu è cumu a l’acqua ntu panaru

Amare da lontano una persona è una cosa vana

Chine de nu vicchiu se nammura se la ciange la sventura

Chi si innamora di un vecchio si pentirà

è fuacu sutta cinnera
E' fuoco sotto cenere

l'amure comincia ccu lu cantu e finisce ccu lu chìantu

L'amore incomincia col canto e finisce col pianto

L’uamu gelusu more cornutu
L'uomo geloso, muore pensando che egli è cornuto

U benesi ciàngie quandu si perda
Il bene si apprezza soltanto quando si perde


A gallina si spinna quandu è morta
Alcune cose vanno fatte al momento opportuno

A picura rugnusa mpesta tutta a mandria
La persona disonesta spesso porta alla cattiva strada anche altre

Fijjiu di gatta surici pijjiaù
Il gattino cattura i topi come la mamma (ha lo stesso carattere)

La gallinaa fattu l'uavu e allu gallu ci vruscia lu culu

La gallina fa l'uovo e al gallo gli brucia il culo

La gatta presciarola fa li figli cecati

La gatta frettolosa fa i figli ciechi

Lu lupu cambia lu pilu ma no lu vizzu

Il lupo cambia il pelo ma non il vizio

Lupu 'un mangia lupu

Lupo non mangia lupo

Nt’ ogni mandria c’è na picura rugnusa
In ogni gruppo di persone trovi la persona che dissentisce

Perdiu e vacche e vai trovandu e corna

Ha perso le cose importanti e cerca le cose da nulla

Puarci e figli comu i mpari i truavi

I maiali e figli come li educhi c'è l'hai

Puru i pulici tenanu a tusse
Pure le pulci hanno la tosse

Quandu a gatta non c'è i surici abballanu
Quando il gatto non c'è il topo balla

Si rispetta u cane ppè la faccia du patrune
Non si picchia il cane, anche se morde per rispetto al padrone

U cane chi baia un muzzica
La persona che parla tanto non fa' i fatti

U cane muzzica lu sciancatu
Il cane si accanisce con il disgraziato

U pisce puzza da capu
Il pesce puzza già dalla testa

U puarcu è alla muntagna e la quadara vulle
Il porco è in montagna e l'acqua già bolle

U surice dicie alla nuce :" Dammi tiempu ca' ti cupu"
Il topo ha bisogno di tempo, ma alla fine riesce a rompere la noce!

U Vue dice curnutu allu ciuciu
Il toro chiama cornuto l'asino


Acqua passata non macina mulinu
Non pensare alle cose passate, perchè non possono essere modificate

A cumpidenza è patruna da malacrijanza
La confidenza che dai ad una persona è scambiata per dabbenaggine

A fortuna cangia cumu a luna
La fortuna spesso cambia

A miagliu parola è chilla chi non nesce da vucca
In tante circostanze conviene tacere

Alla luce de la lumera simu tutti e na manera
A prima apparenza siamo tutti uguali

A petra senza lippu sa mbija la jumara
In un fiume la pietra dove non cresce l'erbetta rischia di essere trasportata dalla corrente

A pratica rumpe a grammatica
La pratica aiuta piu' delle regole

A raggiune e’ di fissa
Spesso le persone furbe raggirano altre che si sentono dire di avere ragione

chine a vo cotta e chine a vo cruda
Una cosa può essere voluta in maniera diversa da più persone

Chine comanda un suda
Chi comanda non suda

Chine lassa a via vecchia ppe chilla nova sa chillu chi lassa ma un sa chillu chi trova

Chi abbandona la strada vecchia per la nuova, sa cosa lascia ma non sa quello che trova

chine joca sulu un se 'mbriga mai
Chi gioca da solo non si incavola mai.

Chine nasce tundu un ppò morire quadratu
Quando uno nasce sfortunato ,rimane sempre cosi'

chine prima un penza dopu sospira

Chi agisce di istinto poi si pente

chine simina in ntà vigna un ricoglie in ntà vindimmia
La semina nel vigneto non produce, e inoltre rischia di rovinare la raccolta dell'uva

chine tanta tila e chine mancu cammisa,chine tanta cumpagnia e chine dorme sulu
Chi ha tanta tela e chi non ha per niente e chi ha tanta compagnia e chi è solo

chine trova muallu, zappa fundu
Chi riesce a trovare una situazione facile ne approfitta

chine vive sulu e speranza e disperatu muari
Chi si affida esclusivamente della speranza e non agisce non sara' disperato

chine zappa ridiandu ciangia cugliandu
Chi gioisce per un lavoro pesante spesso non lo porta a compimento

Diu n’di libera du povaru arricchisciutu e du riccu mpoveritu

Le persone più peritose per la società sono il povero arricchito e il ricco impoverito

Doluri e mole, doluri e core
Spesso il dolore dei molari è molto brutto

Duarmi cumu nu gghjru
Dorme come un ghiro

Faci nu vviaggiu e dui servizi
Con un viaggio è riuscito a compiere più servizi

Fa llu scemu ppè un gghjire alla guerra
Una persona fa' lo scemo per non essere mandato in guerra

I ligna stuarti , u fuacu addirizza

Anche i legni più difficili da maneggiare sono fatti diventare diriti dal fuoco

E nu pilu fanu nu travu
Alcune cose a volte vengono ingigantite

L'uamu si piglia ccu lla parola , u vue si piglia de corna
L'uomo si convince con la parola, mentre il bue deve essere forzato

U gàbbu cògghie e la jestiìma no'
Chi palesa meraviglia delle altrui disgrazie, esprimendo facili giudizi negativi, sarà un giorno la stessa vittima

Megliu fissa ca sindacu
Il fesso non ha le preoccupazione come c'è l'ha chi occupa un posto

Munti cu munti 'un s'incuntrunu, ma frunti cu frunti si
Monte con monte non s'incontrano, ma fronte con fronte si

Na manu lava l'atra e tutti i dui lavanu a faccia
Una mano lava l'altra e tutte due insieme lavano il viso

Na vota se futte a vecchia
La vecchia può essere fregata una sola volta

Non fare male ch’è peccatu, non fare bene ch’è sprecato
Non fare male che è peccato, non fare bene che è sprecato

Uacchi cha un vidanu core ca un dole
Occhio non vede cuore non soffre

Pe’ li stuarti non c’è medicina
Per uno stolto non è facile farlo ragionare

Si dici u peccatu e no u peccaturi
Si dice la marachella o errore ,ma non si svela chi l' ha commessa

Si a'ncùnu ti dùmanda: dùve vai? rispùnda ca nu' lu sai
Per prudenza, non confidare agli altri i tuoi progetti

Ti ficiaru comu i santi e riggiu

Ti hanno ridotto malconcio

Tira cchiù nu pilu all'irtu, ca na corda e vui allu pendinu

Tira più un pelo pubico su una salita, che una corda con i buoi in discesa.

U fissa parra sempre u primu

La persona sciocca si espone per primo

Vale cchiù ‘na bona parola ca ciantu lignate

Vale più una parola convincente che cento bastonate (è più persuasiva una buona parola che una dura punizione corporale)

Vo’ sapiri qual è lu megghiu jiocu? Fa beni e parra pocu
Vuoi sapere qual è il migliore gioco? Fai bene e parla poco

Cu bella voli parire pene e guai e de patire
Chi vuol arrivare a un traguardo importante deve impegnarsi e talvolta soffrire

Chine pe' sordi na' brùtta si pìgghia, li sòrdi si' 'nde vànu ... e lu còre se scuaglia!
Chi sposa una donna non bella, ma solo per ricchezze finisce col dover rimpiangere l'Amore vero!

Chine si marita sta contiantu 'nu jiarnu, chine ammazza ' u puarcu sta cuntiantu 'n anno
Chi si sposa sta contento un giorno, chi ammaza il porco sta contento un anno

Fìmmina andànte, casa vacante
La donna che va in giro senza obiettivi precisi, contribuisce all'assottigliamento dei beni patrimoniali

Migliu in galera ciangendu ca cornutu rridiandu
Meglio in carcere con disperazione che cornuto con gioia

Mugghjeri e voi di paisi tui
La moglie e i buoi dovrebbero essere cercati nel proprio paese

Non si po avire a vutte china e la mugliere mbriaca

Non si può avere tutto , ma bisogna accontentarsi di qualche cosa


Chi mangia di bon'ura ccu nu pugnu scascia nu muru

Chi mangia di buon'ora con un pugno rompe un muro

A san martinu si rapere le vutte e se prova llu vinu
A San martino si aprono le botti e si assaggia il vino

Quandu ‘a tavula è misa chine un mangia perde ‘a spisa
Quando la tavola è apparecchiata chi non mangia perde il cibo(Approfitta del momento proprizio)

'U mangiare senza vivire è cumu tronàre senza chiovire
Il mangiare senza bere è come il tuonare senza piovere

U vinu 'a vita allonga, ll'acqua accurcia ll'anni
Il vino allunga la vita, l'acqua l'accorcia

l'abuttu un cride allu diunu
Chi ha mangiato non si mette nei panni di chi è a digiuno


A vecchiaia è na carogna
La vecchiaia è una rovina

Passanu l'anni e criscianu i malanni
Col passare degli anni aumentano i malanni

Vai a patuto e non iri a medicu
Fatti consigliare da quello che ha fatto esperienza


Debiti e guai non finiscianu mai
I debiti e i guai non finiscono mai

Du caru ccatta e du marcatu pensa
Compra la cosa costosa, ma pensa a comperare una cosa non costosa (si può celare un tranello)

E cambiali su miajiu de mujjeri almeno e paghi e te cacci di piadi
Le cambiali sono meglio delle mogli, almeno li paghi e poi te li caccia dai piedi

I debiti si pagànu, 'i peccati si ciangianu
L'obbligo del debitore verso il creditore non è diverso da quello che ha il peccatore verso Dio

L'avira ti fa sapira, a povertà ti fa 'nciotare

Il possedere ti rende colto, la povertà non ti offre questa opportunità

I sordi ..... fànu vidire puru alli cecàti
I soldi fanno venire la vista ai ciechi

Paghi caru ca sta mparu

Paga caro e avrai un posto comodo

Senza sordi un sinde cantanu misse

Senza denaro non si può fare (comprare) nulla

Si vùe mu sìmini 'nimicizie, prèsta sordi e pìgghia vìzza

I soldi prestati generano inimicizie certe

Sordi fannu sordi, piducchi fannu piducchi
Chi è ricco diventa sempre più ricco, chi è pidocchioso rimane sempre pidocchioso

U riccu mangia quandu vo', u poveru quandu abbusca
Il ricco mangia quando ne ha voglia, il povero quando riceve qualcosa

Ppè lu ccatarru vinu ccu ru carru

per il catarro ci vuole tanto vino

A cavaddhu jestimatu le lucia ru pilu

al cavallo bestemmiato il pelo luccica

A chiovire e morire 'un ce vo' nente

per piovere e morire non ci vuole niente

'A ciotia e' cchiù brutta da malatia

La stupidità è la malattia più brutta

A cuda e' la cchiù brutta a la scurciare

A gallina chi canta a fattu l’uavu

la gallina che canta ha fatto l'uovo

'A gatta chi i surici piglia cum’è la mamma vena la fhiglia

A gatta prescialora a fattu i fhigli cecati

La gatta che va di fretta fa i figli ciechi

A gramigna 'un se struda mai

L'erba gramigna non finisce mai di crescere

'A suttana fha la fhimmina puttana

La sottana fa la donna prostituta

Ha fhattu nu grubbu 'ntra l’acqua

Ha fatto un buco dentro l'acqua

A jume citu nu' jire a piscare

A fiume silenzioso non andare a pescare

Lavare a capu a lu ciucciu e' tiampu piarsu

Lavare la testa all'asino è tempo perso

A lingua vatta ddhuve 'u dente dola

La lingua batte dove il dente fa male

'A mala cumpagnia porta a mala via

La compagnia cattiva porta a cattive strade

A matinata fha la jornata

La mattina fa la giornata

A meglia morte e la subitania

La migliore morte è quella istantanea

Ccu lu mmuru vasciu ognunu sicce appoggia

Con il muro basso ognuno si appoggia

A nullu puazzu a muglierma puazzu

A nessuno posso a mia moglie posso

A pignata visitata ‘un bulle mai

La pignata visitata non bolle mai

A tina se speragna quandu e' china

Ha trovatu a fhurma du pede sue

'A vecchiaia e' na carogna e ra gioventù e' na lusinga

Ha vistu mai zingari metare e puttane fhilare?

'A vurpa chi 'unarriva all’uva dicia ca e' amara

'A vutta china e la mugliera mbriaca

Abbivera 'e gandhine quannu chiova

Abbrigazione resta a mia

Acqua passata 'un macina mulinu

Acquazzina 'un ne inchia puzzu

Ad’ogne casa c'e' na cruce

Tene lu mele alli jirita e un su sa liccare

Addura chi 'u miedicu studia, u malatu sinne jutu

Ajutate ca Dio t'aiuta

Alia e patàlia e cicalìa canta

Ammuccia ammuccia ca para tuttu

Anima tua cuscienza tua

Annu è muortu Pietru aguannu t’inne vena ru fhiatu

Anu perduto i vue e vanu girandu e corne

Alla caniglia ara caniglia chine u trova si u piglia

Alla candilora du viernu simu fhore

Alla ciotia 'un c'è medicina

Allu malu pagature scippace chiru chi pue

Arrumbi 'e culu tempesta e’mmerda

Arrusta e mangia

Allu paise di cecati beatu chiene tena n’ucchiu

Avantate quannu te ricuogli da fhera no quannu vai

Avimu mangiatu allu stessu piattu?

Chine me vò ncasa me vena circa

Cadire 'mbascia fhurtuna

Cangianu i sonaturi ma a musica è sempre a stessa

Cangiare l’ucchi ppe ra cuda

Canuscere a fhurma du pede sue

Casa stritta fimmina destra

Ccù na fhava pigli dui picciuni

Ccu nu piezzu e malavita cce vò nu piezzu e malacarne

Cchiù a rimini cchiù puzza

Chine 'n'cialu sputa 'mfaccia torna

Chi cientu diapuli vò pigliare unu o l'atru ha de scappare

Chi nascia tunnu un’po’ morire quatratu

Chi tardu arriva malu alloggia

Chì troppu purminta te gabba

Chillu chi u bbue ppè ttia all'atri u llu fhare

Chine sta cu rà speranza d’atri e un se cucina, se leva murmurannu ra matina

Chine ‘a vò cotta chine ‘a vò cruda

Chine ccu guagliuni se mmisca ccu pulici se leva

Chine cumanna un suda

Chine mancia sulu priestu s’affuca

Chine piecura se fha u lupu su’ mancia

Chine se spusa è cuntientu nu juarnu chine s’ammazza ru puarcu è cuntientu n’annu

Chine te vò bene te fha cianciare chine te vò male te ha ridare

Chine tena cchiù forza vincia ru casu

Chine’ u bive vinu è chiamatu ranunchiulu e pantanu

Chine un sente a mamma e lu patre senta u diavulu d’u mpiarnu

Chine và ccu lu zuoppu  se’ mpara a zoppicare

Chine vò và, chine u’ bbò manda

Chine zappa fujiannu se ricoglie cianciandu

Chine zappa viva acqua, chine fhutta viva a la vutta

Chirica ‘un fa monacu

Circa l’acu intra ’u pagliaru

Circha grazzia e trova giustizia

Conzala cumu vue ca sempre cucuzza è

Cose e notte vrigogna e juarnu

Crisci fhigli: crisci puarci

Cumè lu vite mintacce ’u palu

Cumu ‘a cuonzi ‘a minestra t’à manci

Cuntientu cumu ‘na pasqua

Curnutu e mazziatu

Ddhue c’è gustu un c’è perdenza

De ccà chiova e dde là scampa

Dio ‘i fhà e pue ‘accucchia

Disse lu surice ala nuce damme tiempu ca te cupu

Dopu ‘a quarantina nu guai a matina

Dopu i cumpietti nescianu i difiatti

Du malu pagature ricoglia chiru chi pue

È cumu lavare ‘a capu aru ciucciu

‘E l’uagliu fhusu nè ricuagli u mianzu

È nnu fhilatu sciusu

È stare ccu tri piedi intra na scarpa

Edi cchiù de ddlà ca de cca

Gente e vuascu campane e lignu

Gesu Cristu manna biscotta a chine un tena dienti e mali juarni a chine 'un si' fhida durare

Guardate di povari arricchisciuti

Guardative de uamini sbarbati e fimmine cu lu mustazzu

Fha bene e riciva male

Fha bene e scordate fha male e penzacce

Fha cumu t’è fattu ca ud’è peccatu

Fha cumu ‘u tapinaru, cancia l’uacchi ppe la cuda

Fha 'na via e dui servizza

Fhatte ‘a cruce cc’u ra manu giusta

Fhare bene è delittu

Fhare ‘u passu cchiu' lungu da gamba

Fhava fhavia chine và avanti fha ra via

Fhatte nu cuntu ch’è fattu Juornu

Fhuja quantu vue ca cc’a t’aspittu

I ciucci se truzzanu e ri varrili se scascianu

I ciucci fhanu a cursa e li cavalli carrianu

I debbiti se paganu e li peccata se ciangianu

I guai da pignata 'i sa ra cucchiara chi cià riminiatu

I jirita da manu 'un su tutti guali

I parienti su ri dienti e ru miagliu parentatu è ru pane du tavulatu

I sordi fhanu venire a vista alli cecati

Io dicu ciciari e tu me rispunti vajane

Jiennu vidiennu

Jire trovannu a pezza a culuri

L’abbuttu ‘un crida ru diunu

L’abitu 'un ffà ru monacu

L’amicu se vida allu bisuagnu

L’è datu e vota u cerviaddhu

L’uamu gelusu mora curnutu

Liga u ciucciu dhhue vò lu patrune

Ma fhattu calare u latte alli ghinocchia

Male 'un ffhare paura un’avire

Mangia pane a tradimiantu

Mazze e panelle fhanu i fhigli belli, pane senza mazze fhanu i fhigli pazzi

Me si venutu a stuffu cumu a carne grassa

Me quagliatu u sangu intra a saccotta

Meglio l’uovu oje ca 'a gaddhina domane

Miegliu sulu ca malu accumpagnatu

Minate e musche ccu ra cuda tua

Fhamme capire mpizzu mpizzu cà pùe largu minne fhazzu

Muartu u cane morta a raggia

Na botta ari circhi e 'n'atra ara vutte

Na manu se lava ccu latra e tutte e due lavanu a fhacce

Na vota ppe dunu 'un fa male a nessunu

Nessunu nascia 'mparatu

Niuru e niuru 'un tingia

No' tutte e cose russe su cerasa

O te manci ssa minestra o te jiatti 'e ssa finestra

Ogne lassata e persa

Ogne morte e Papa

Ogne nudu vena allu piattine

Ogne vintinove picciuni e ova

Ognunu è patrune ara casa sua

Oje a mmie domane a ttie

Paga caru ca sta' mparu

Pagliaru viecchiu arda ca u nuavu scattaria

Pampina larga pampina stritta dicia a tua ca 'a mia è ditta

Panza china canta, nnò cammisa janca!

Pari n’anima e prugatoriu

Pari nu cane mazziatu

Parienti serpianti

Parola ditta cuarpu tiratu

Parra cumu t’ha fhattu mammata

Parra quannu piscia ra gaddhina

Parramu du diavulu e  spuntanu e corne

Parrare ccù ra botta

Patti chiari amicizzia longa

Petrusinu ogne minestra

Pigliare cazzi ppe cannile

Piscia ppe ri pili e un'saffunna

Po' fhare chiovire e scampare

Ppe nente 'un sé fha nente

Ppe 'un sapire ne leglere e scrivire

Chine te purminta de certu te gabba de sicuru

Puru i pulici tenanu 'a tussa

Quanno sona l’Ave Maria o alla casa o ppè la via

Quannu se liticanu i mulinari ricogliate a fharina e va vatinde

Quannu si ‘ncudine statti quandu si martiellu vatta

Quannu 'u cielu è pecurinu si ‘un chiova la sira chiova la matina

Quannu 'u ciucciu unn’e vo' acqua  avoglia mu vmbutti

Quannu 'u diavulu t’accarizza vò l’anima

Quannu un’po pigliare l’irtu piglia 'u penninu

Quannu un c’è lu gattu i surici abballanu

Quaranta: sona, frisca e canta

Raccumannare a piecura alu lupu

Rispettare 'u cane ppe lu patrune

Rrobba e cumune jettala aru jume

Sa cchju 'u ciuatu ara casa sua c’à u saviu 'ncasa d’atri

Cìe' duni u jiritu e se piglia tutta a manu

Sciacqua Rosa e biva Agnese

Se dicia ru peccatu ennò lu peccature

Si a mmidia fhossa guallhara ognunu 'a porterra

Si cumu  'u ciciaru supra 'u tamburru

Si l’urtimu buttune da' vrachetta

Si nannu 'un moria a st'ura campava

Si un’ mme cridi dumanna a muglerma

Si vo' agli pigliate cipullhe

Simmina quannu vue ca a giugnu miati

Simu arrivati ddue sé cula l’oru

Su' junciuti 'u diavolo e l’acqua santa

Spari a nà cerza e cuogli a nà visciglia

Sputare aru piattu dd’ue mangi

Statti attiantu a ri cauzi caduti

Storta va diritta vena

Strusciu e scupa nova

Sulu ara morte un c’è riparu

Te ammazzasti 'u puorcu e tè chiudisti e de l’amici tue tinde fricasti

Te canusciu de quann'era cerasu

Te fhazzu pisciare intru na grasta

Tieni 'u curzune ari piedi e 'un ddici San Paulu

Tiri e vrasce ari piadi tue

Tiri l’acqua allu mulinu tue

'U buanu iuarnu se vida da matina

'U cane muzica sempre allu sciancatu

'U caudu spacca lu culu ara ciuccia

U ciucciu ca un ha fattu a cuda alli tri anni ulla fha cchiù

U ciucciu chiama ricchiune allu cavallhu

U ciucciu dduve cade na vota ‘un ce cada chiù

U ciucciu te mina nu cauce e tu cc’è tagli u pede?

U ciucciu vicchiu mora mmanu alli fhissa

U diavulu un tena piecure e bbinna lana

'Un fhare 'u ciutu ppe 'un jire alla guerra

'U granu se perda e l’aggianti moranu e' fhame

'U fhiarru vo' battutu quannu è caudu

'Un jire girannu 'u pilu 'ntra l'uavu

'Un jire trovannu fhinuocchi e' timpa

'U liettu fha due cose: china 'un dorma se riposa

'U lignu stuortu u fhuocu l'addirizza

'U lupu cancia lu pilu ma no lu vizzu

U miercuri mmienzu a simana

U mintare è salute

'Un mme fha né caudu né friddu

'U Pateternu manna biscotta a chine 'un tena dianti

'U patrune da mandra mancu na ricotta

'U piacere du' ciucciu è ara gramigna

'U piajiu ancora a' dè venire

'U piru cunchiutu cada sulu

'U pisce puzza da capu

'U pulicinu vo' pizzulare 'u culu ara jocca

'U sule a chine vide scarfa

'U suvirchiu rumpa lu cuvirchiu

'Un nziniare i cani chi dormano

Uacchiu chi 'un bida core chi 'un dola

Ud'avire ne' arte ne' parte

Ud’e' zuppa ch’e pane ammogliatu

Ugliu ara guaddhara

'Un jjire vidiannu quale fhurnu fhuma

'Un mangia ppe 'un cacare

'Un mme fha né caudu né friddu

'Un sianti mancu i trona e marzu

'Un c’è né capu né cuda

Va ppè grazzia e truavi giustizzia

Vala chiù n’amicu ca ciantu ducati

Vasciacce 'a manciatura

Vicinatu è mienzu parentatu

Vilanza 'un ne inchia panza

Vizzu e natura fhinu ara morte dura

Vo' erva ppè ciantu cavallhi


Add this to your website
 
Contribuisci online

Meteo Platania 24 su 24

Webcam-tv Platania


Visitatori n°

Tot. visite contenuti : 732695

Utenti Online

 23 visitatori online
Dove siamo

Meteo Platania 24 su 24

Webcam-tv Platania

[+]
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size