Credenze popolari PDF Stampa E-mail

Il passato della Calabria può essere letto anche sfogliando tutta quella lunga serie di tradizioni, credenze e superstizioni popolari tramandatesi nel corso dei secoli.
Negli usi e costumi calabresi sono ravvisabili, infatti, estremi storici e culturali di epoche diversissime tra loro; le vestigia del passato si sono conservate intatte soprattutto in quelle aree meno esposte alle influenze esterne: i paesi montani, ad esempio, e alcuni centri maggiormente isolati, tuttora rivivono – in taluni periodi – feste, sagre e avvenimenti nati tantissimi secoli fa; o, ancora, non vengono dimenticati, dalle minoranze etniche, gli eventi e le manifestazioni tipiche di quella specifica popolazione.
Infine, anche nei centri più moderni, più esposti alle influenze di altri popoli, le famiglie hanno tramandato piccole superstizioni che accompagnano il fare quotidiano di ciascun calabrese. In questa sede, si cerca di recuperare quel grande patrimonio di tradizioni e di cultura che la Calabria possiede, e che spesso ha conquistato anche grazie all'alternarsi di numerosi popoli e di diversissime culture provenienti da tutto il bacino del Mediterraneo.
 
E' qui elencata una raccolta delle credenze popolari Platanesi e Calabresi riferite a due principali categorie : Gli Oggetti che raccoglie le credenze con riferimento a gli oggetti di uso quotidiano e la categoria Gesti e Situazioni che elenca le credenze popolari riferite a particolari gesti e situazioni che potevano verificarsi.


OGGETTI:


ANELLO Porta fortuna mettere un anello con la pietra di nascita. Se la fede nuziale viene persa, per evitare che l'infelicità piombi sulla coppia, va riacquistata immediatamente un'altra vera che dovrà essere infilata all'anulare dal partner, come durante il rito nuziale.

ASCIUGAMANO Non adoperate lo stesso asciugamano in due: litigherete sicuramente

CANDELE Porta male la goccia di cera che cade lungo il lato della candela.

CANE Il suo ululato è presagio di morte.

CAPELLI Se volete evitare la calvizie tagliate i capelli durante la luna nuova. Un capello sulla spalla preannuncia l'arrivo di una lettera. Dei puntini bianchi presagiscono forfora...

CAPODANNO Porta fortuna incontrare una persona di sesso opposto la mattina di capodanno E' presagio di guai vedere un cavallo bianco Si gettano oggetti vecchi dalla finestra per liberarsi di preoccupazioni e affanni, e per auspicarsi fortuna Mangiare lenticchie, uva o datteri, la notte di San Silvestro, vuole dire propiziarsi certamente la fortuna economica durante l'anno.

CAPPELLO Porta male posarlo sul letto.

CUCCHIAIO Porta sfortuna tenerlo con la mano sinistra.

CUCULO Se udite il canto del cuculo, afferrate in fretta tutto ciò che in quel momento è ai vostri piedi e portatelo addosso per un po' di tempo: vi porterà fortuna.

FAGIOLO Nell'antichità simboleggiava l'immortalità per la sua proprietà di conservare a lungo la forza vitale e di riacquistare freschezza se immerso in acqua.

FERRO DI CAVALLO E' un segno di fortuna trovarne uno: va appeso in casa.

FIAMMIFERI Porta sfortuna utilizzare in tre lo stesso fiammifero

FIENO Se vedete un covone di fieno, prendetene un filo ed esprimete un desiderio: sì avvererà

FORBICI Se cadono a terra, prima di raccoglierle, posatevi il piede sopra per annullare il cattivo presagìo. Se cadendo, una delle lame si conficca nel terreno è presagio di morte. Portano fortuna se tenute appese al muro.

GABBIANO Porta sfortuna ucciderne uno.

GALLO Se canta prima di mezzanotte preannuncia cattivo tempo.

GAZZA Porta male vedere al mattino a digiuno una gazza. Vedendo uno stormo di gazze piegare verso sinistra la giornata sarà felicissima, se lo stormo va a destra il giorno sarà negativo. Un innamorato che dovesse vedere una gazza ha poche possibilità di successo con la sua ragazza.

GRUCCIA Porterebbe male appoggiare le grucce sul letto

INCROCIARE Scarpe, posate o altri oggetti porta sfortuna, perché, in epoca medioevale, erano considerate un'offesa alla Croce di Cristo.

LETTO Porta male scendere dalla parte sinistra, in quanto ritenuta la parte di Satana In Sicilia si dice che se tre persone rifanno un letto insieme (nel senso che ne sistemano le lenzuola), quella più giovane d'età muore.

NEONATO Non va mai baciato sul collo, altrimenti perde il sonno.

NUBILI La notte dell'Epifania devono lanciare le scarpe verso l'uscio di casa: se le punte sono rivolte verso l'uscio, si sposeranno entro l'anno. Una sarta che sia ancora in attesa dell'anima gemella, potrà mettere due o tre capelli della sua chioma nell'orlo dell'abito da sposa che le capiterà di cucire: si sposerà anch'ella entro l'anno.

OLIO Versarlo è segno di malaugurio.

OMBRELLO E' presagio di sventura aprirlo in casa.

PANE Posto a rovescio sulla tavola, porta carestia.

PETTINE Se vi cade di mano mentre vi state pettinando, qualcuno che vi vuole bene vi sta pensando

PIOGGIA Porta fortuna camminare sotto la pioggia. Un vecchio proverbio dice: "Sposa bagnata, sposa fortunata".

PISELLI Sono il simbolo della felicità e della fortuna. Nell'antichità, con i loro fiori si intrecciavano coroncine da offrire alle spose.

QUADRI Non andrebbero mai appesi alle pareti quadri raffiguranti uccelli: portano sventura. E' di malaugurio un quadro che cade.

QUADRIFOGLIO Arreca fortuna e felicità ma non lo si deve cogliere, basta guardarlo e toccarlo.

RAGNO Vedere un ragno di sera è segno di bel tempo. Porta sfortuna uccidere un ragno di notte o al mattino.

SALE Anticamente era simbolo di amicizia, tanto è vero che si poneva una coppa di sale davanti ai commensali. Versare il sale porta sfortuna. Se viene rovesciato sulla tavola prendetene un po' e lanciatelo dietro la spalla sinistra.

SCALA Porta sventura passare sotto una scala. Se una nubile passa sotto una scala aperta o appoggiata al muro non si sposerà. Se inciampa, invece sui gradini di una scala, convolerà presto a nozze. Se si inciampa scendendo, è presagio di perdita di denaro.

SCOPA Se con la scopa toccate i piedi di una nubile, questa non si sposerà. E' segno infausto spazzare il pavimento prima dell'alba e dopo il tramonto.

SOLDI Trovare una moneta porta fortuna: conservatela. Sono di felice augurio i soldi bucati, le monete coniate negli anni bisestili e quella vaticane che portano l'anno del Giubileo. Porta bene conservare 2 centesimi nel portafogli. Se a Natale o a fine anno ti pagano, devi dare almeno una monetina di resto, altrimenti niente soldi nell'anno nuovo.

SPECCHIO Romperlo preannuncia sette anni di guai.

SPILLA Se ricevete in regalo una spilla, un temperino o qualsiasi oggetto appuntito, pungete con essi il vostro donatore, oppure regalategli una simbolica monetina. Se non lo fate, rischierete di troncare il rapporto di amicizia.

SPILLO Se ne vedete uno per terra, raccoglietelo, la fortuna vi sorriderà per tutto il giorno. Non chinatevi però mai a raccogliere gli aghi, portano sfortuna.

STELLE CADENTI Vederne cadere una è di buon auspicio, esprimete un desiderio! SUORE Pare che vederne tre o quattro unite porti male.

UOVA Non gettate mai il guscio intero, ma spezzatelo per evitare che il demonio vi si annidi

VENERDÌ "Né di Venere né di Marte, non si sposa non si parte, né si dà principio all'arte" consiglia un proverbio. Mai uscire di casa il venerdì notte: streghe e diavoli sono in agguato. Ma se proprio dovete farlo, strappate un pelo (possibilmente rosso) a un cane e conservatelo nel taschino. Non incrociare coltelli a tavola


GESTI E SITUAZIONI:


Non poggiare il cappello su letto Non incrociare le mani durante il saluto

Non passare sotto la scala a pioli Due bambini che non hanno superato il primo anno di vita non devono sfiorarsi.

Non si deve accendere la sigaretta in tre: il più piccolo morirebbe.

Non bisogna essere in tredici a tavola: il più piccolo andrebbe incontro a disgrazia o morte.

A tavola non sedersi all'angolo: si rischia di non sposarsi.

La sposa, il giorno del suo matrimonio, deve indossare una cosa nuova, una cosa vecchia, una cosa usata, una cosa prestata, una cosa azzurra.

Se di prima mattina s'incontra un prete, la giornata non si svolge bene.

Se, uscendo per la strada, s'incontra una sposa, è sfortuna; se s'incontra un corteo funebre, è fortuna

Quando si porta il regalo agli sposi e vengono offerti confetti, questi non si mangiano prima della cerimonia, perché ciò porta male agli sposi.

Quando passa un corteo funebre si tocca ferro.

Il vino che cade per terra è premonitore di fatti fortunati. Si cambia strada quando s'incontra un gatto nero. Naturalmente si eviterà di fare qualcosa di importante

Il Venerdì 17: è sempre consigliabile rimandare ad altra data. Se si vede una mosca grossa girare per la camera, è segno che stanno per arrivare delle persone.

Un'altra credenza di origine antichissima è quella che vuole che gli animali, una volta l’anno, abbiano il dono della parola. Ciò avviene la notte dell’Epifania, tanto che contadini e pastori danno da mangiare in abbondanza ai loro animali, temendo che essi, una volta in grado di parlare, possano accusare i loro padroni di essere avari.

La notte di Natale e dell' Epifania sono le notti in cui si possono tramandare le parole delle formule magiche e degli scongiuri usati contro il malocchio, conosciute anche come "U Carmu".

Ogni famiglia contadina non toglie le vivande dalla mensa della vigilia di Natale, credendo che dopo mezzanotte scenda la Madonna col Bambino e mangi il cibo sulla tavola.

Nel mese di Maggio è sconsigliato sposarsi perchè esiste un giorno sfortunato e nefasto ma nessuno ne conosce la data.

Gli abitini (minuscole sacche con dentro foglie e oggetti vari in triplice quantità) e le pietre di sale contro "l 'affascino" si mettono nelle culle dei bambini.

Le lucciole contengono anime pie e sono considerate di buon augurio.

Se piove il giorno della Candelora pioverà per 40 giorni di seguito. Se c'è vento il giorno di S. Croce tale vento persisterà per 40 giorni

Add this to your website
 
Contribuisci online

Meteo Platania 24 su 24

Webcam-tv Platania


Visitatori n°

Tot. visite contenuti : 739235

Utenti Online

 1 visitatore online
Dove siamo

Meteo Platania 24 su 24

Webcam-tv Platania

[+]
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size